Archivi

Un popolo di santi, di eroi, di navigatori in Facebook

Tipologie  di italiani su Facebook

MASCHILI:

1)     LO SPACCIATORE D’ IMMENSITA’ Foto rigorosamente in bianco e nero, riga di status copia incollata da frammenti di testi di alta letteratura o poesia (mai letti) ricercati su Google.

2)            IL MILITANTE Immagine elaborata come il manifesto di Obama, o tutto nero, rosso, bianco, viola a seconda del momento. Segnala video di politici da cui dissente e cerca indignati.

3) IL PROVOLA Detto SWL (serial web lover), caccia la digitalmente disagiata. Mette foto solo in primo piano, con tagli significativi su occhiali scuri. Dal vero è spesso impresentabile.

FEMMINILI:

1)            LA SIGNORINA SILVANI Riesce a simulare procacità allettanti con foto d’ antàn o particolari di scarpe con tacco, porzioni di abbronzatura, occhi bistrati. Cerca diversivi al tedio impiegatizio.

2)            LA FUGACE DOMESTICA Profilo imbandito con foto di lei mamma e angelo del focolare. Solo per buttar fumo negli occhi. Sa bene come ci si organizza la fuga fingendo che sia colpa del destino.

3)         LA DEPRESSA DEPRIMENTE Solo foto che denuncino la sua assenza. Tramonti, gattini sperduti, scrivania piena di libri. Scrive frasi di status terminale da scongiuro. Vorrebbe essere amata.

UN POPOLO DI EROI DI SANTI E DI NAVIGATORI SU FACEBOOK

L’ idillio tra gli Italiani e Facebook sta diffondendosi a macchia d’ olio. Nell’ultima classifica comunicata da royal.pingdom.com, tra primi dieci paesi che più frequentano il Social Network l’ Italia è al terzo posto (alla pari con l’Indonesia). Saremmo in 26 milioni ad essersi fatti il profilo e, a vario titolo, a seguirne le connessioni. I primi in classifica sono naturalmente gli Americani con 130 milioni d’iscritti, secondi gli Inglesi con 28 milioni. Nel presentare i dati sul loro blog, gli esperti di Pingdom, che è la società che fornisce un servizio di monitoraggio sull’ attività di siti web, sostengono, magari esagerando un pò, che se Facebook fosse una Nazione sarebbe la terza al mondo, dopo Cina e India. Come ogni valutazione sulle frequentazioni della rete i dati reali della Facebook mania andrebbero presi con una certa cautela, aprire un profilo non necessariamente corrisponde a una costante e appassionata partecipazione da parte del titolare, ma tuttavia non possiamo fare a meno di riconoscere oggettivamente una reale evidenza dell’immaginario legato a Facebook negli usi e liturgie sociali degli Italiani. Non si spiegherebbe altrimenti perché molti uffici pubblici abbiano deciso di contingentare i tempi di accesso a Facebook dei dipendenti, è evidente che l’ attività para-impiegatizia, che ai tempi di Fantozzi era la battaglia navale tra scrivanie, oggi si è evoluta nello scambiarsi le applicazioni spiritose o giocare a FarmVille o Pet Society, ma forse ancora di più a costruire una propria dimensione epica attraverso l’ esercizio del social networking. Gli Italiani hanno sicuramente trovato in Facebook uno straordinario strumento di rappresentazione di velleità individuali, quel moltiplicatore di virtù presunte che mai la commedia riuscì a rappresentare in maniera così diffusa. Questo significa che nel nostro Paese non si sta sviluppando una malattia sociale legata all’uso compulsivo degli strumenti di socializzazione web2.0, in realtà Facebook è una protesi che si adatta perfettamente alla struttura dell’italiano medio, lo dilata emotivamente, ma non lo istiga a comportamenti che non gli siano naturalmente propri . Non a caso la frase più ascoltata durante quest’ultima estate vacanziera è: “Dai facciamo una foto che dopo la mettiamo su Facebook!” E’ il sintomo dell’ansia collettiva di strappare brandelli al quotidiano e immortalarli nella galleria dell’immaginario condiviso. Non si parla unicamente di giovanissimi smanettoni, come vorrebbe ogni più logoro luogo comune, ma anche di signore e signori di mezza età che trovano nell’esercizio quotidiano del cambio di “status” un’ efficace maniera per lanciare messaggi subliminali in occasionali, quanto impegnative, derive sentimentali. Facebook sta trasformando tranquille casalinghe e placidi ragionieri in scatenati cultori del multitask erotico, mai ci fu più malandrino attentatore alla serenità della coppia, ma solo perché quello che si faceva di nascosto oggi è sotto il controllo di tutti. Non è un caso che gli Italiani abbiano colmato il proprio digital divide raggiungendo primati mondiali in due pratiche web; il gioco d’ azzardo on line e il social networking. Entrambe le attività sono tenacemente legate al raggiungimento spasmodico dell’obiettivo massimamente ambito del “vorrei oltre i miei limiti”. Chi vorrebbe esser ricco senza fatica tenta la fortuna al gioco, chi invece ambisca a essere bello, seduttivo e ricercato, sceglierà con cura le foto di quell’ estate in cui era più in grazia di dio che mai, o magari con lo sguardo perduto nella profondità del proprio pensiero…Una fanatasmatica ricostruzione di sé che Facebook può aiutare a realizzare in maniera facile per tutti, anche per chi desideri sentirsi dalla parte del bene e ingaggiare la propria battaglia (senza rischi) contro il lato oscuro della forza. Facebook è il grande amplificatore del dissenso che non richiede concreta militanza. Una foto di Berlusconi è capace di accendere migliaia di veementi reazioni, ma accade anche quando è postata un’immagine di animali maltrattati o cuccioli abbandonati. Stiano sereni gli apocalittici, nulla cambierà grazie a Facebook, ma tutti potranno aver la soddisfazione di pensare di esistere e poter dire la loro.

Lascia un Commento