Archivi

Macchine per fughe domestiche

MACCHINE PER FUGHE DOMESTICHE

Sono ormai tre giorni che non ti vedo più…qui

quel suono… la tua voce non rischiara più le sere

e non facciamo l’amore, ci inventiamo ancora che

cresceranno meglio se dormiamo ormai divisi

Suona la mezz’ora la campana giù in città

Le coppie che passeggiano mano nella mano

mentre ti guardo ancora farti bella per chissà chi

cerco di rubare un po’ di quel calore

senza nessuna voglia di dormire

rubo i tuoi segreti ed i tuoi amanti come un vile!

Ma poi ci ripenso apro il computer

lui mi vuol bene mi sa ascoltare,

mi fa capire che se io soffro

devo gioire perché so amare!

Se lei è fuggita io resto vivo

con un travestimento spazio-temporale

finchè c’è SECOND LIFE

finchè c’è SECOND LIFE

Sono giorni lunghi..e mi nascondo qui;

non si vede il sole in questa enorme stanza,

anime trafitte da miseri pensieri

e inutili parole trattano la resa

ed è davvero dura da sopportare

travestimenti ambigui per poterti ancora amare

Ma poi ci ripenso apro il computer

lui mi vuol bene mi sa ascoltare,

mi fa capire che se io soffro

devo gioire perché so amare!

Se lei è fuggita io resto vivo

con un travestimento spazio-temporale

finchè c’è SECOND LIFE

finchè c’è SECOND LIFE

-ascolta il brano-


Torna alla Macchina

Lascia un Commento