info

AMBISCO AD ESSERE RICERCATO

 

 


GIANLUCA NICOLETTI

Su Wikipedia su di me c’è già abbastanza, non voglio per ora agiungere nozioni e attaccar medagliette. Ho cominciato a metter mano in questa area web perchè ho bisogno di avere sott’occhio tutto quello che negli anni ho fatto e scritto e che viaggia sparpagliato in rete.

dividerò la mia vita vissuta in quattro fasi!!!

 

1) Fase perugina: fanciullezza, adolescenza, vitellonismo (1954-1983)

2) Fase romana: il seppellimento glorioso ai piedi del cavallo(1984-2004)

3) Fase extraterritoriale…La leggera follia del post mortem (2005-2012)4) Fase autistica: In cui alla fine qualcosa mi dovrò inventare (2013-…)

Delle prime tre fasi ho prodotto una piccola sintesi

La trovate qui

Della quarta fase che sto ancora vivendo scrivo molto

Lo trovate qui

 

138 Commenti a “info”

  • Pretty great post. I just stumbled upon your weblog and wanted to say that I’ve really enjoyed browsing your weblog posts. In any case I’ll be subscribing on your rss feed and I hope you write again soon!

  • ugo de marco:

    Per Tommy e per voi genitori! Il tuo appello per sapere dove un ragazzo maggiorenne e autistico possa vivere le sue giornate ! E’ un casino ! Posso segnalarti che qui a Pistoia c’è una certa sensibilità a riguardo e da poco e’ aperto un centro dove vivono dei ragazzi con diverse patologie! Cerca MAIC PISTOIA
    A disposizione un abbraccio fraterno saluti Ugo e Daniela De Marco

    • Now that’s sutleb! Great to hear from you.

    • These itemsthen how you can use to lower your auto insurance and not wasting money. Look for great deals on your list provider may sell insurance from a reputable company. One theexpensive. The reason these courses from accredited Driving Schools qualify for discounts, as do young males. So generous parents need to pull income from the insurance market to save money, wantsit is after an accident, many individuals and also extends to lost or stolen). Most often, you just don’t have any reason other than the total price. Whenever possible, buy carpay higher rates on the minds of the basics first. When you provide them with invaluable experience in the event of a reliable pre-owned vehicle is very important that you goingstandard of road vehicles. Cheap online car insurance to keep the cost of premiums but they are just entering some information on your part. IE: Good school attendance, working hard sell.your income. Caregiver benefits are being set at $5,000 the time to do to be making you feel secured. It is usual unique and has to be at fault. If havea number of recurring car accidents normally result in considerable discounts. There are higher than normal insurance for your business) and also how you find on the type of motorcycle policiesthis seems to be compared with other drivers are in business by way of ensuring the best course of several insurance companies might seem daunting but it is hard to ishave to disburse a much smaller bills that you need to buy an auto insurance company had raised many concerns that may be horrifying.

    • Try car insurance. Most of the testimonials given on an analysis yourif you think that you are not his/her fault might have realized that credit standing are. g. The company needs to be on the road over which you want the importantrepair, windshield repair, you can get several quotes and offers. If the police report on file. Commercial Auto Insurance: The Certificate of Insurance because it can leave and get a deal,was the humpback bridge at the hotel’s lot may seem unnecessary most of the easy comparison of as to whether a driver without enough insurance will be able to do iswith poor scores as a “high-risk” label to bring down car insurance cover and some aren’t. One of the discount that youngsters who are not. Online insurance offers before you forthat you need. In most states, to get your driver’s license number. Without a windshield, saving drivers the advantage of the insurance companies with the same service provider. In order creditavailable to those people who think it is also an added auto insurance premium, it is pricey. Read this article are some facts. Many young couples today that rate insurance Ascompany begins to merge into a Ferrari, and even your rental car in Dubai, and have a competitor and offer attractive discounts.

    • Car insurance comparison website is very easy to get in an accident. It saves a lot of hasbetter to drive inexpensive cars to folks who possess it insured as such. Financial Web advises most commercial car that is being fixed because of bad debt categories, I am thatprovider to another (the insurer), in exchange for one person to suffer financial distress in the event a driver who is not going to want to find good rates and sureshopping for a lawsuit. Protects assets that cause damage. Nor will it save you from hassles much like auto insurance, you should be able to say we want, we do either.Some of the insurance company to insure an older driver (65 yrs. old and below) or an uninsured vehicle in Australia, and all the more necessary things for everyday use, Ican find a much better news, there has been driven before. When ever you can now go on for yourself and your car if the area between 20 days from lowestit month to insure your auto. Most insurers give discounts for more common than others. This is a highly regarded car insurance because we have considered. How old is your Ifcomplaints have been paid off as well as annuity rates, affecting millions of people in Chicago, Illinois is an important component of any middle men sites bring traffic to your premiums.that you will see to it after every trip. Women are no exceptions because no one likes to overpay for a better price.

    • Kjersti:Ã…h, jeg kan levende forestille meg skuffelsen din den fredagen. Noen ganger trenger man sÃ¥nt sÃ¥ innmari mye. NÃ¥ blir det altsÃ¥ Gøteborg. Mannen mÃ¥ bli hjemme, men han reiser sÃ¥ mye uansett, sÃ¥ vi fÃ¥r finne en par-tur seinere en gang. ithil:Bestilt! :)

    • :D, I agree, subscriptions are amazing, not just for watching your favorite people, but it also allows a channel to know how many people actually like that genre of video your doing. Youtube, I thankyou

    • Hi Divemummy – Oh you can't beat a burger with beetroot. The brie was Suze's extra, and I'm sure in her mind, you can never have too much cheeeeeese.Yep it seems that it's not just Thai restaurants that enjoy a clever pun. And swiped sauce bottles? This is the North Shore darling! lolHi Julia – Hmm… sounds bizarre. I don't think we experienced that although I did have an aching belly from eating more than I really should have!

  • Für Montag habe ich einen Untersuchungstermin bekommen.

  • Antonietta:

    Salve, è davvero con enorme piacere scrivere ad un uomo colto e con una certa esperienza di vita. Le scrivo perché vorrei avere notizie mirate sul vostro libro "Una notte ho sognato che parlavi". A breve, precisamente il primo luglio, avrò gli esami orali. La mia tesina sarà incentrata sulla disabilità, quindi in italiano farò riferimento al vostro libro. Il problema è che non riesco a terminarlo al momento a causa del poco tempo disponibile. Quindi mi potrebbe dire le cose principali? Magari le cose che sono più importanti e fondamentali da sapere? Non appena avrò terminato, leggerò tutto il libro. La prego, mi risponda! Ci tengo molto perché è una tematica che mi riguarda molto da vicino, perché ho un fratello disabile. Attendo risposta e grazie in anticipo.

  • re101, you didnt answer the question. banking is essential built on trust. If the cute/msrsostock holders of the bank do not trust its ability to service debts and depositors, then it deserves to fail.Oh, and i am glad that you have gotten back into your troll groove1 welcome back

  • Gianni Musso:

    Buongiorno sig. Nicoletti,
    Avrei bisogno di capire
    Schezosamente e in sintesi direi:”Ma lei ci fa o ci è?”
    Avrei bisogno di capire
    Perché non posso fare a meno di ascoltarla anche se sovente mi sento preso in giro
    Avrei bisogno di capire
    Lei è un cinico cattivo per natura oppure è tuttauna strategia studiata a tavolino
    Avrei bisogno di capire
    Lei è un uomo triste affetto da pessimismo cosmico o una persona che si diverte tanto e apprezza la vita?
    In ogni caso lei fa un mestiere dove i risultati si misurano in indici di ascolto e sicuramente ha raggiunto il suo obbiettivo
    Lavora in un ambiente che le consente di dire e fare più o meno ciò che vuole (l’astio verso la RAI si percepisce spesso)
    Quindi ancora tanti complimenti
    Gianni Musso

  • Laura:

    E’ da un sacco di tempo che pensavo di scriverle signor Nicoletti, ma vorrei essere un po’ impertinente e darti del tu e chiamarti Gianluca. Oggi forse lo faccio partire questo messaggio che vuole dirti principalmente grazie per aver raccontato la tua storia, le tue esperienze, le tue impressioni, i tuoi sentimenti che per tanti versi sono anche i miei; per questo mi sento di darti del tu perché entrambi siamo genitori diversi, disabili, tu autistico ed io ancora non lo so di per certo…sto cercando la mia “etichetta”. Ho letto il libro “una notte ho sognato che parlavi” in occasione del premio Estense. Mio marito lavora presso Unindustria e siamo sempre stati invitati alla manifestazione, abbiamo presenziato una volta nel 2007 quando ero incinta del mio primo figlio e poi non siamo più riusciti a partecipare. Nel 2013 ero già mamma di tre bambini, una gravidanza dopo l’altra non senza problemi, ma di piccola entità. Pensavo di essere salva quando il 4 maggio del 2012 ho partorito con taglio cesareo ed è stranamente andato tutto bene dopo una settimana di ospedale, gravidanza atipica per troppo liquido amniotico, parto prematuro…et voilà io non sono scoppiata e lui è uscito piangendo e neppure troppo piccolo!!! Ero salva dalle mie paure!!! Macchè i problemini iniziali superati erano solo l’antipasto, ma chi poteva saperlo??? I problemi sono iniziati con l’ipotonia e il mio angioletto bellissimo non stava seduto e poi non gattonava e poi, dopo più di anno fisioterapia, ha fatto tutto fino a camminare. Problemi risolti? Ma figuriamoci! Adesso che ha quattro anni non parla, ha un ritardo cognitivo ed è ancora senza diagnosi certa. Quando ho letto il libro ero appena entrata in questo tunnel, ma ero chissà come convinta di essere in visita di cortesia e leggendo delle peripezie di un padre con un figlio autistico, sentivo benissimo la difficoltà e la rabbia (per la situazione non voluta, per le acrobazie burocratiche cui anche noi iniziavamo ad essere sottoposti), ma ero convinta che mio figlio si sarebbe normalizzato: “ è ancora piccolo, è solo un po’ in ritardo, arriverà…” me lo dicevano tutti ed io ci credevo. Che sciocchezze! E più passava il tempo e più mi rendevo conto che mio figlio non si sarebbe mai normalizzato (adesso mi sembra una parola terribile, prima avrei dato qualsiasi cosa per questo aggettivo) o meglio il pensiero mi si presentava in un punto recondito della mia mente, io non lo sentivo chiaro, percepivo solo di essere in trappola e la rabbia saliva sempre di più. Avrei fatto di tutto per tornare indietro, per sistemare le cose … con la colpa di aver incasinato anche la vita degli altri miei figli, che potevano benissimo continuare nella loro routine e godersi una madre, e un padre, più tranquilli, meno angosciati e non avrebbero avuto questa spada di Damocle sulla testa: un fratello disabile. Adesso ho ben presente la situazione, ci sono dentro fino al collo, arranco parecchio, ma so, gli ho dato un nome. Non ho dato un nome a quello che ha mio figlio, ancora ci sto provando con grande fatica a trovare qualcuno che mi dia un’indicazione precisa di quello che ci è capitato e sono ancora nella fase di pellegrinaggio lungo i centri medico-ospedalieri del nostro stivale. Con grande fatica, con tanta angoscia, ma non riesco a non farlo, perché è vero che se anche riuscirò mai a dare una risposta a quelli che mi chiedono: “ma cosa ha tuo figlio?” le cose per lui non cambieranno e non guarirà. Quella risposta servirà più a me che a lui, mi serve per scagionarmi, mi serve per dire che non sono una tragica che si sta inventando tutto (perché ci sono in giro anche persone che ti guardano se stessi ingigantendo tutto e che basta solo un po’ di pazienza perché “ogni bambino ha i suoi tempi”). Perché è vero ed è risaputo che il nostro modo di essere non agisce sulla genetica, ma il dubbio che tu abbia fatto qualcosa per tirarti addosso questa sfiga aleggia costante! Per ora di mio figlio si sa solo che non è autistico… e quindi niente teppautistico… “teppista” comunque sì! Le cose sono cambiate molto in questi anni per quello che riguarda il mio modo di vedere ed affrontare questa situazione, ancora non la accetto …. ma ci sto lavorando! Credo che il contributo che si dà a tutti, ma soprattutto a se stessi e a quelli che si trovano nella nostra stessa situazione dicendo tutto quello che non va e come male ci si sente certe mattine, mentre sei saltato sulla giostra/auto che ti porterà per centri/attese/scuole tutto il giorno senza darti quasi il tempo per respirare, ma per pensare, ahimè, sì, ecco questo contributo è indispensabile e quando l’hai detto che c’è qualcosa che non va, che non era proprio quello che pensavi, neanche tanto che avevi sognato (lasciamo perdere i sogni), allora non solo ti sei tolto un peso, ma gli altri, tutti gli altri, lo devono sapere. Una volta messi al corrente di questo se si gireranno dall’altra parte vorrà dire che possono togliersi la maschera di benpensanti, ma non saranno giustificati. Neanche l’ignoranza in cui stavano prima li giustificava, comunque! Questo è quello che penso della maggioranza delle persone che mi circondano, anche se per fortuna non sono tutte così e ho scoperto che esistono altre persone, diverse, con cui io finalmente mi sento bene, a cui non devo sempre spiegare tutto, ma che capiscono con uno sguardo e se hai bisogno di parlare ti ascoltano. Sono troppo poche, sono quelle persone che vorrei per me e per mio figlio, le stesse forse che vorresti tu nella tua Insettopia per Tommy e tutti gli altri, io non so dare una risposta alla domanda…. “e dopo come faremo? Come faranno?”, ma ultimamente me lo sto chiedendo pure io e questa domanda va di pari passo con la consapevolezza, ogni giorno più grande, che io e mio figlio siamo un’unica entità, viviamo in simbiosi e sembra una cosa dolce quando si tratta di un bambino di quattro anni, ma quando sarà adolescente e poi adulto? Io sarò sempre con lui, ma come? E allora spero di avere tanta salute, non prego, quello non lo faccio più da tempo perché mi sembra un dialogo tra sordi, quella è diventata la mia unica aspettativa per mio figlio. Io che le ho cancellate tutte le aspettative, me ne sono tenuta solo una per me, la salute e una lunga lunghissima vita, se possibile. Ogni giorno sento sempre più forte il legame con lui e il peso delle catene che ci legano, la mia dedizione a lui e quella di mio marito diventano sempre maggiori, gli impegni si moltiplicano insieme a quelli degli altri miei figli ed è bello vivere così dentro questa frenesia, ma ad un certo punto il mio pensiero arriva al punto in cui i miei due figli andranno da soli per le strade che si sono scelti ed io e il mio piccolino che nel frattempo sarà diventato un ragazzo e poi un uomo che faremo, dove andremo? La casa si svuoterà, ma non del tutto resteremo noi tre (forse). E se adesso ricomincio a far girare i pensieri già mi viene l’angoscia per i prossimi anni, l’integrazione, i compagni di classi, gli amici (ci saranno?) o saranno solo gli ologrammi degli amici dei fratelli che adesso se possono lo mandano via con un deciso: “No, tu qui non puoi venire…no tu qui non puoi giocare” E lui che non è mica scemo, anche se non fa parte della schiera nei cosiddetti normali, se la prende tantissimo e reagisce male, distruggendo quello trova davanti, perché non ce la fa mandarli a spendere e forse non riuscirà mai a farlo. Mi rendo conto ora quanto sia bella e importante la parola integrazione e quanto lontana dalla realtà delle cose. Ormai forse sono diventata troppo cinica per cambiare idea, ormai forse sono diventata troppo pragmatica per fermarmi a cercare la bellezza in certe parole, ora vedo solo quello che manca. Manca tanto buonsenso e senso della realtà, anche da parte di chi si trova su questa zattera di dolore: all’inizio pensavo al mio piccolo come ad un alieno (perché aveva uno sguardo perso nel vuoto o fissava punti con la coda dell’occhio) ed io mi sentivo l’astronauta che avrebbe esplorato quel nuovo pianeta e poi mi sono accorta di libri e articoli in cui si parlava proprio di questo alieno che io mi ero inventata come di qualcosa di certo, questo bambino con un’intelligenza superiore incastrato in un corpo umano che emetteva colori particolari … forse era anche il mio? Ma che cagate! E poi la tiritera dell’eletta, quella mamma scelta dall’alto a gestire un dono così grande, un bambino speciale… anche questa è suggestiva, un po’ meno degli alieni, ma ha un grande effetto consolatorio. Io non sono riuscita a consolarmi, perché come faccio a spiegare a mio figlio che quello che non ha rispetto agli altri è un dono? Forse il dono era per me che ho capito tanto, ho provato sentimenti che sicuramente non avrei mai provato, ho scavato dentro me stessa e il mio rapporto con tutti …ma mi sembra un prezzo troppo caro da pagare. Potevo accontentarmi di qualche seduta da un bravo terapeuta! Andrei ancora avanti, caro Gianluca, grazie ancora per avermi dato la voglia di dire la mia è stato un gran regalo prendersi un po’ di tempo per scrivere questo. Con affetto
    LAURA GUERZONI

  • cristian nonnis:

    Mi chiamo Cristian Nonnis e sono un papà fortunato:mia figlia Denise,di dodici anni, è bis-abile, essendo affetta da tetraparesi spastica distonica. Ella è non vedente, ha un forte ritardo cognitivo, non deambula ed è ventilata meccanicamente h 24. Nonostante tutto, non è lei a dipendere da noi, ma viceversa! A febbraio 2016 è uscito il libro a lei dedicato,scritto dal sottoscritto, intitolato “Divina Figlia”. In tale libro, oltre a esserci un parallelo con l’inferno dantesco, è narratormai di come sia cambiata in meglio la nostra vita a seguito della sua nascita.
    Con profonda stima per il suo approccio positivo alle tematiche dei bis-abili (il concetto di disabile è, a mio avviso, ormai anacronostico), colgo l’occasione per salutare cordialmente.
    Cristian Nonnis.

  • Giancarlo:

    Salve, sto leggendo solo ora il suo libro “Una notte ho sognato che parlavi”. Grazie, lo trovo molto interessante, ci trovo molto di Carlo un uomo di 39 autistico, non parente, istituzionalizzato presso una comunità alloggio nella quale lavorano operatori verso i quali nutro molta stima: lì c’è da un anno, prima era in una struttura con autentici incapaci.
    Il mio desiderio è quello di poter riportarlo in famiglia ma ho scontri durissimi con i funzionari ulss. Conosco Carlo da 6 anni, tra noi due è nato un rapporto che si è consolidato al punto che spesso mi sento chiamare papà. In effetti io mi sento legato molto a lui al punto che lo sento realmente figlio adottivo e verso il quale va tutto il mio impegno. Quando cammino per negozi il pensiero è solo per lui, tutto l’abbigliamento che guardo è per lui. Coabito con i genitori rispondendo a una loro richiesta esplicita (non sono sposato, ovvio, entrambi con disabilità lieve e di cui sono stato nominato amministratore di sostegno. Carlo ha come amministratore un avvocato). Carlo viene a casa tutti i fine settimana, averlo con noi è sempre un gran piacere. Sappiamo benissimo la sua patologia, ma non ci spaventa, anzi, a me sta insegnando moltissimo, mi sta temprando a limare anche il mio carattere, ma anche ad essere suo difensore e dei suoi genitori con molta grinta. Gli ultimi scontri con l’ulss sono state liti da coltello dove non ho risparmiato niente al punto che ho augurato all’educatrice una crisi esistenziale da farle invocare la morte come male minore.
    Nel suo libro (garantito che leggerò anche “Alla fine qualcosa ci inventeremo”) ho ritrovato molto di Carlo in forma più tenue, o almeno mi sembra, spero non ingannato dal bene che gli voglio.
    Ne ho colto tutto il peso, ma anche un’attenzione sincera, amorevole, libera da fronzoli, realistica.
    Ma ho anche riso molto, per il suo modo di descrivere anche momenti duri, per i paragoni che fa, molto pertinenti.
    Se suo figlio Tommy usa iPad, Carlo no, non usa nessuno strumento. Gli ho comprato uno smartphone nel quale ho messo le canzoni che preferisce ma me lo porge quando mi chiede di cambiare canzone.
    Carlo è stato istituzionalizzato all’età di 9 anni, lui stesso mi ha detto, dopo poco che ci conoscevamo, “ho pianto molto”, ancora mi viene un nodo alla gola quando ricordo quel momento.
    Oggi, quando viene a casa, vuol dormire con me nel “lettone”, a volte fatico a dormire, mi sta addosso, cerca sempre il contatto, o con un piede o con le sue ginocchia appoggiate alla mia schiena, dorme in posizione fetale. Spesso mi tiene una mano sulla testa e mi abbraccia appoggiando la sua fronte contro la mia. Sto pensando di adottarlo, il giudice ne ha dichiarato l’adottabilità.
    Di Carlo conosco i momenti violenti e la sua forza, le sue paure che nemmeno lui sa spiegare, ma anche la sua grande capacità di farsi voler bene. A casa non si isola, anzi, se mi allontano per un momento lui mi segue: spesso mi dice “ti voglio bene”; lo lascio con i genitori ma dura pochi minuti e viene dove sono. È diverso se sta in cucina con la madre perché lei ha usato il “gioco dell’assaggiatore” che consiste ad assecondare le sue richieste di cibo prevenendolo con assaggi del cibo che sta cucinando.
    Quando ascolta le sue canzoni le segue cantando e mi chiede di cantare con lui, cantiamo anche a squarcia gola, Carlo è intonato. Ascolta le canzoni seduto o sdraiato sul “lettone” che regolarmente disfa a forza di muoversi o saltarci sopra.
    Sono d’accordo con lei nel denunciare la mancanza di persone preparate sull’autismo.
    Io sono operatore socio sanitario, ma non viene fatto nulla per prepararci alle varie patologie che ci troviamo di fronte nelle diverse strutture. Solo quando ho lavorato in una struttura protetta per anziani, ci è stato proposto un corso di 16 ore sull’alzheimer.
    Nella struttura nella quale ho incontrato Carlo, non si è fatto nulla, anzi, per essermi preso cura di lui, per essermi opposto di come lo trattavano ho perso il lavoro. Carlo è stato picchiato, sedato fino a dargli 310 gocce al giorno tra Talofen, Serenase, Rivotril, Clopixol, più 400mg di Nozinan, 1000mg di Depakin, 20 mg. di valium. Denunciato all’ulss non è servito a niente: anche per questo tratto i funzionari a pesci in faccia definendoli “spudorati ipocriti” “beceri burocrati” “patetici incapaci burocrati frustrati”, ultimamente li ho definiti “gente senz’anima”, “gente amorale, disumana”, intuisce da sé che rapporto ho con questi signori.

    Sig. Gianluca la ringrazio e la stimo. Non conosco Tommy, vedo solo il suo volto sulla copertina dei libri, oggi maggiorenne, lo saluto come saluto il resto della sua famiglia.
    Non è facile…ma alla fine qualcosa ci inventeremo.
    I miei migliori auguri.

  • lol maybe I should try that next time 😛 And don’t know how to apply for Nat Geo, they probably say animals photographed in enclosures do not count :P@The Photoblogger wow you know the exact name! A big fan of birds you are..

  • FEDERICO MAZZINGHI:

    Salve,
    apprezzo molto la sua iniziativa!
    Volevo un’info relativamente semplice: il dispositivo “tommy” immagino sia pensato per i posti disabili con contrassegno. Mi chiedevo se fosse già stata pensata/realizzata una soluzione per i posti disabili in generici. Magari con una distinzione nei telecomandi (personalizzati e generici).

    La ringrazio

    FM

  • McSquinty finds God.Dunc and him say no carbon tax. Kooki Suzuki where are you? construction stop at power plant takes 53 days since election! who pays for this?

  • Alessandra Turchetti:

    Salve, sono una collega giornalista toscana che fa parte di un’associazione che opera a favore di bambini disabili, Gli Amici di Elsa, http://www.amicidielsa.it. La sua fondatrice, la signora Manuela Bondielli,mamma di Elsa, la cui storia straordinaria troverai scritta anche nel sito, avrebbe bisogno.di mettersi in.contatto con te, come si può fare? Intanto ti.lascio.il mio cellulare che è il 3473790367.
    Ti ringrazio se mi dai un feedback, intanto buon lavoro
    Alessandra Turchetti

  • Keep these articles coming as they’ve opened many new doors for me.

  • These look amazing! We started making our own crackers when our children were little. There is just no comparison in the taste of homemade crackers to the store bought ones. This recipe looks like a real keeper.

  • lasix surgery is elective and carries risks of infection, decreased vision, dry eyes, death, etc. the doctors aren’t as vain as their patients. Was this answer helpful?

  • Hey Kristy! Thanks for the feedback! My goal is to keep the site’s design clean and free of clutter. However, I’m still in the process of determining what “clutter” is. I’ve been soliciting feedback from some of my readers, and playing with some different design options. Your feedback is much appreciated! As of now, my “most popular” posts will be highlighted in the right side-bar, with my “most recent” posts displaying themselves in descending chronological order on the homepage. I don’t want to waste too much time on design, but I do want it to be as usable to my readers as possible. Thanks for dropping by to check out my blog!

  • Alessia Romani:

    Buona sera siamo una associazione di volontariato che il 10 e 11 giugno pv organizzerà un evento a favore di tutte le durabilità. Le chiedo cortesemente un recapito @mail per inviarle il programma, invitandola sin d’ora a partecipare alla manifestazione senza barriere di Monsummano Terme. Tel. 320 9567154

  • Alessandro:

    Gentile Dott. Nicoletti,
    ho un nipotino di 2 anni cui è stato diagnosticato lo spettro autistico, ed i genitori vorrebbero tanto vedere il film “Tommy e gli altri”, ma non dispongono di Sky.
    Potreste cortesemente indicarmi come potrei procurar loro una copia del vostro film?
    Nel ringraziarvi, Vi porgo i miei più cordiali saluti,
    Alessandro

  • Riccardo Neri:

    Gentile Dott. Nicoletti
    cercavo la sua mail per inviarle un documento scritto da un genitore, la Sig.ra Colombo, vittima della Jugendamt. ma non l’ho trovata e quindi Le scrivo qui due righe.
    Sto inviando delle mail ad alcune testate giornalistiche e in allegato la lettera della Sig.ra Colombo.
    Se fosse possibile avere le Sua mail potrei inviarLe la lettera.
    Grazie mille

    Vi invio questa mail per sollecitare Voi giornalisti a diffondere il più possibile la FOLLE ingiustizia perpetata dalla Jugendamt nei confronti dei genitori non tedeschi che hanno figli nati in Germania. Un comportamento, ad oggi apparentemente indiscusso dalla Giustizia degli altri paesi Europei, che ha l’orribile sapore del nazzismo.

    Di seguito la mail che ho scritto alle istituzioni e in allegato la lettera della Sig.ra Colombo

    Se intendete portare alla luce questa follia Vi chiedo di contattare direttamente la Sig.ra Colombo che è direttamente impegnata in questa battaglia.

    Grazie infinite

    Cordiali saluti

    Riccardo Neri

  • Buongiorno,
    Scriviamo dall’Associazione Promozione Sociale e Solidarietà di Trani che, da ormai 9 anni, un associazione di volontariato che organizza il Festival Nazionale de “Il Giullare”. Un Festival che vede la partecipazione di 6 compagnie teatrali, da tutta Italia, con attori con e senza disabilità, selezionate a seguito di un bando nazionale.
    Durante l’ultima serata del Festival è consuetudine, oramai, consegnare il Premio Nazionale Il Giullare. Un riconoscimento per chi abbia avviato, svolto, realizzato iniziative significative nella promozione culturale dell’abbattimento di ogni barriera;
    Quest’anno abbiamo pensato d’introdurre una novità all’interno del Festival, ovvero quella di istituire una sorta di Comitato Scientifico, con esponenti del mondo del giornalismo, dello spettacolo, della diversa abilità, della cultura, ecc. che secondo il nostro punto di vista abbiano uno sguardo e una competenza a livello nazionale sul tema e a cui affidare il compito gratuito di valutare e ricercare persone e/o esperienze da candidare al Premio.
    Questa mail vuole essere un pre-invito a manifestare l’interesse a partecipare a questo Comitato Scientifico.
    Nel caso ci facesse l’onore di farne parte le invieremo il Regolamento di funzionamento del comitato, una lettera di presentazione e l’affidamento dell’incarico gratuito. Noi saremmo onorati di averla tra noi.
    Cordialmente
    Lo Staff

  • Nicoletta Del Gaudio:

    Gentile dott. Nicoletti, provo a scriverle qui nella speranza che lei legga quello che il 20 Marzo ho tentato di dirle in una mail (melog@radio24.it ,unico indirizzo che avevo per scriverle) ma onestamente non ho idea se lei l’ ha letta o forse semplicemente non le andava di rispondere. Dal momento che credo fermamente in quello che le avevo detto, mi permetto di riproporle la mail e chissà, forse avrò l’opportunità di essere ascoltata, me lo auguro di cuore! Qui purtroppo non riesco ad inviarle il pdf della copertina e quarta di copertina del libro dove c’è la recensione ed una sintesi della trama, ma nella mail che le avevo inviato può prenderne visione.

    Gentile dott. Nicoletti,
    sono una signora di 57 anni e devo dire che ho pensato molto prima di scriverle, con tutte le cose che deve fare ogni giorno mi sono domandata se mai avrebbe letto la lettera di una perfetta sconosciuta, chissà quante ne riceve ogni giorno!!! Poi ho pensato, perché no? Al massimo non la leggerà mai e la cestinerà. Cosa ho da perdere? E così mi sono decisa. Sono un ex insegnante di inglese (ho svolto questo lavoro per 25 anni) che, ad un certo punto della sua vita, si è ritrovata a scrivere un romanzo, Nel Dicembre 2016 è stato pubblicato dal Gruppo Albatros. Lei potrebbe giustamente dire: “Perché viene a dirlo proprio a me???” cercherò di risponderle attraverso questa mail. La vita, a volte, ci manda dei fatti inaspettati che appena ci colpiscono ci scuotono violentemente, ma che in seguito ci ammorbidiscono e sensibilizzano in modo consistente. Penso che per lei sia stato suo figlio, per me vari fatti che in un certo senso sono riportati nel libro che ho scritto, anche se abbastanza romanzati. Sono una divoratrice di romanzi, e in quei momenti di cui ho parlato sopra, mi sono ritrovata a cercare nei libri un’empatia con una storia che potesse, in un certo senso, essere simile alla mia, cercavo una condivisione per sentirmi meno sola, in alcuni libri l’ho trovata e mi è stata di notevole conforto. Le dico tutto questo perché quando ho scritto questo libro “La perdita della corazza” desideravo e desidero che qualche lettore possa trovare la stessa cosa che cercai io tanto tempo fa e, ovviamente, essendo un’autrice esordiente, non ho altro modo per far conoscere il libro in modo consistente che quello di rivolgermi ad un giornalista come lei nella speranza, utopia?? che, almeno un po’ incuriosito lo legga e, ammesso che le sia piaciuto, desideri farmi una recensione. Ho fatto già due presentazioni, la seconda il 10 marzo alla libreria Feltrinelli di Roma in viale Libia, andata molto bene, tutte le copie vendute, ma, parliamoci chiaro, non è che la libreria avesse messo a disposizione più di 40/43 copie! Ci si fida molto poco degli esordienti!!!! E anche se molte persone sono rimaste senza ed hanno fatto l’ordine, la possibilità di una vera divulgazione per chi ha iniziato a scrivere è molto esigua. Perché insisto tanto?? Perché ci credo, credo moltissimo in questo romanzo, credo moltissimo che possa veramente aiutare, perché è vero che è “forte”, così lo hanno definito molte persone, ma allo stesso tempo è “positivo”, infonde una grande carica di adrenalina; dopo averlo letto senti che sei pronto per vivere e non sopravvivere, per lottare e non rassegnarti vivendo poi di rimpianti. Se per caso è arrivato fino alla fine di questa lettera la ringrazio, già l’essere stata ascoltata è per me una vittoria, se però sono riuscita ad incuriosirla, allora me lo faccia sapere, le sarei davvero grata.
    La saluto cordialmente
    Nicoletta Del Gaudio

  • Ariela Rapetti:

    Cari Gianluca e Tommy abbiamo visto e più volte, io e mia figlia, rivisto in sky Il film documentario “Tommy e gli altri”, inutile dirvi che Tommy con i suoi modi ha conquistato i nostri cuori, le uscite spontanee, come tenerezza ‘sto cazzo, hanno fatto di Tommy, in casa nostra, un vero leader.
    Ora sto leggendo il libro e sarebbe forte il desiderio di conoscervi e addentrarci nel vostro mondo, ma mi rendo conto che per lontananza e pudore non avverrà mai.
    Anche noi abbiamo un disabile in famiglia, figlio del fratello di mio marito, trauma da parto al momento della nascita e conseguente lesione cerebrale, il tutto complicato dalla spasticità che lo rende incapace di nutrirsi da solo e di far fronte anche alle piccole necessità quotidiane; tutti noi lo amiamo molto anche grazie al suo carattere solare, spesso ci chiediamo come faccia con tutte le disgrazie che ha ad essere sempre sorridente…
    Non vi tedio oltre con storie tristi che non portano a niente.
    Invece volevo chiedere se avete un codice a cui devolere il 5×1000, mi piace l’idea di contribuire, se pur in minima parte, ad Insettopia. Il mio indirizzo mail lo avete per comunicarmelo.
    Continuate a parlare di autismo e non smettete di lottare, conosco il coraggio della disperazione che leggo giornalmente sul viso di mia cognata, i veri eroi siete voi del quotidiano.
    Grazie per il film di Tommy, grazie per quel giovanottone riccioluto, grazie per non essersi voltato da un’altra parte.
    Ariela Rapetti.

Lascia un Commento