Archivi

Il deframmentatore sensoriale

L' uso corretto del deframmentatore sensoriale

La perfetta sollevazione, nella sua pratica  non dilettantesca, richiede, oltre la perfetta osservanza della “Regola dei Dieci Pilastri”, anche  una solida preparazione anatomico strutturale e dinamico ingegneristica. Oltre a ciò spesso è consigliato l’ impiego di alcuni accessori che ne aumentino l’ efficacia o salvaguardino sia il sollevatore quanto la sollevanda.

Il primo indispensabile accessorio è il “Cinto sollevatorio”, da usare soprattutto in caso di sollevazioni ripetute, ma senza abusarrne.

—————————-

Ultimamente si tende a usare in alcune sollevazioni pubbliche anche  il “deframmentatore sensoriale”. E’ all’ apparenza un semplice paio di guanti da golf, ma in realtà sono stati studiati, nella costruzione e nei materiali, per soddisfare un’ esigenza di ulteriore perfezione nella sollevazione.

Il secondo pilastro della perfetta sollevazione recita che l’ atto deve essere assolutamente privo  di: desiderio di promiscuità, contatto fisico… Per sottolineare questa linea di asetticità del contatto è buona regola indossare i deframmentatori sensoriali, che evitano il contatto tra la pelle del sollevatore e quella della sollevanda nella presa al polso. Ancor più salvaguardano la sollevanda nella presa della mano destra, quando il braccio di tenuta ( il dx ) che deve posizionarsi nella regione  poplitea ( posteriormente al ginocchio dove passa apunto la vena poplitea ) per una sicurezza maggore della tenuta della sollevata e per impedirne qualsiasi forma di scivolamento.

Sarà comunque un atto di cortesia chiedere alla sollevanda se mai preferisse essere sollevata a mani nude, in caso affermativo si disattivi il deframmenattore sensoriale e si effettui la sollevazione “nature”.

CLICCA QUI PER SAPERE TUTTO SULLA DISCIPLINA DELLA SOLLEVAZIONE DI PIAZZA

Lascia un Commento