• Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
Archivi

Le vostre miserie il mio splendore



voistre miserie

“Voi umani mi fate ribrezzo. Siete la somma di ogni meschinità e vigliaccheria. E vi puzza anche il fiato.
Io sono solo un’immagine nello schermo del vostro computer, voi mi fate muovere agitando la mano destra su un mouse, o picchiando forte sulla tastiera.
Tristi umani picchiatasti, voi che di nascosto giocate con me e con quelli come me: non lo sapete, ma noi avatar vi guardiamo da anni.
Vi teniamo d’occhio da quando avete cominciato a venire in massa, ogni giorno, a romperci i coglioni. Vi teniamo d’occhio mentre ci molestate costringendoci a prestarvi occhi braccia gambe e appendici per scorrazzare nelle isole dell’universo che abbiamo sempre abitato e che chiamiamo MUNDO.”
Bitser Scarfiotti nasce a Orientation Island23 il 14 gennaio 2007. Dopo una settimana apre l’ufficio di corrispondenza “Legenda press” di cui è owner fino a giugno. In quel periodo conduce da un anfiteatro all’ aperto ogni giovedì il fortunato “bitser Scarfiotti Show”, con punte d’ ascolto record di oltre ottanta avatar a serata. Con la caduta del primo regno di Legenda parte in esilio volontario, dopo aver vissuto da squatter per qualche tempo, approda alla sim universitaria “Picnic” dove fonda il “Post human bit-lab”. Oggi si guadagna da vivere facendo il consulente matrimoniale itinerante.
Bitser per il tempo che gli fu dato gestì anche un blog: LA MAGNIFICA PROTESI
Ha pure un profilo Facebook
Su di lui fu scritta più di una canzone nell’ album “Macchina per fughe domestiche”

 

Le vostre miserie, il mio splendore

 

di Gianluca Nicoletti


  • Prezzo: € 15.50
  • Nostro prezzo: € 6.97
  • Risparmi: € 8.53 (55%)

Normalmente disponibile in 11/12 giorni lavorativi




Descrizione

“Second Life” sta diventando un fenomeno di massa (oggi gli abitanti di questo mondo virtuale sono più di 7 milioni), popolato da professori universitari, casalinghe, vecchietti e ragazzi che passano più tempo dentro che fuori. Per muoversi ci si teletrasporta, oppure si esce da una finestra e si vola, si va al supermercato per comprarsi pezzi anatomici. In questo mondo di sogno che non conosce la vecchiaia, la malattia, la morte da poco sono approdati gli italiani: arrivano con la valigia di cartone, sono i soli a non parlare la lingua ufficiale che è l’inglese e sono sperduti come Totò e Peppino a Milano. Second Life è un mondo in cui ognuno vive ogni giorno realtà romanzesche, ma che nessun cantastorie ha ancora raccontato. Gianluca Nicoletti ha deciso di scrivere una sorta di viaggio di Gulliver tra reale e fantastico, con incontri reali e licenze romanzesche: un racconto apparentemente fantasy, ma che in realtà è una cronaca di un futuro che già stanno vivendo milioni di persone.

 

Lascia un Commento